Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS)

Il Parco Naturale di Paneveggio e Pale di San Martino ottiene la Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) per le aree protette grazie al supporto di Trentino Green Network. A dicembre a Bruxelles l’assegnazione ufficiale.Trentino Green Network ha supportato l’Ente Parco in questo percorso durato circa un anno, che ha visto prima l’elaborazione del Rapporto Diagnostico per “fotografare” lo stato dell’arte, poi la costituzione di un Forum per la raccolta dì “schede progetto” a parte di tutti i portatori d’interesse del Parco, finalizzate alla definizione di un Piano d’Azione che delinea le attività e i programmi del Parco nei prossimi 5 anni.

forum-cets

Infine un verificatore di Europarc, Joseph Prats, che nel mese di giugno ha osservato la bontà del percorso intrapreso, la capacità di coinvolgimento degli stakeholder e le azioni messe in programma, redigendo il parere positivo che ha portato all’assegnazione della Carta Europea per il Turismo Sostenibile.

Cos’è la Carta Europea per il Turismo Sostenibile (CETS)

Elaborata dalla Federazione EUROPARC, un’organizzazione pan-europea politicamente indipendente costituita da Enti di gestione e specialisti di più di 400 aree protette nazionali di oltre 35 paesi, la Carta Europea per il Turismo Sostenibile rappresenta il riferimento obbligatorio della politica turistica delle aree protette dell’Unione Europea.

carta-europea-del-turismo-sostenibileLa CETS è un metodo per la definizione delle linee di indirizzo e del giusto procedimento per lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree protette. Obiettivo della Carta è quello di far dialogare insieme i gestori del Parco, gli enti territoriali, gli operatori turistici e i tour operator.
L’adesione alla carta europea permette al territorio di valorizzare le forme di economia e di garantire la qualità della vita per la popolazione residente.

Siamo molto soddisfatti per questa assegnazione perché riconosce un lavoro che abbiamo svolto con la massima attenzione, ma gratifica anche anche l’azione di molte istituzioni, associazioni e soggetti dell’economia locale che hanno deciso di lavorare, con impegno e competenza, su progetti di sviluppo del nostro territorio, mettendo la sostenibilità al centro di innovative ed originali modalità turistiche. Ora si tratterà, nei prossimi cinque anni, di dare concretezza ai progetti individuati grazie a questa partecipazione ed all‘apporto di idee e competenze diversificate. Un particolare ringraziamento va al Servizio aree Protette della Provincia, a Trentino School of Management e ai tecnici che ci hanno accompagnato in questo processo. (Giacobbe Zortea, Presidente del Parco e Vittorio Ducoli, Direttore)

Leggi il Rapporto Diagnostico, il Piano d’Azione e il Rapporto di verifica sul sito del Parco Naturale di Paneveggio e Pale di San Martino.

 

Rispondi